Guida alla lettura

2018
  • Ricerca del Giornale di Brescia

Gruppi, classifiche settori d’attività e criteri di scelta

Le imprese e i gruppi inseriti nel rapporto sono stati selezionati attraverso la banca dati Aida, tenuto anche conto della composizione dello scorso anno: è, quindi, possibile che alcune imprese non siano presenti perché, alla data di ultima consultazione (31 ottobre 2019), il bilancio non era ancora disponibile per i tre anni e non erano fruibili altre informazioni utili per l’individuazione.

Nel report sono presenti le prime 1.000 entità classificate in base al fatturato, la voce A1 dei bilanci predisposti secondo la normativa italiana. Nel caso di bilanci Ias/Ifrs, è stata effettuata una riclassificazione per adattarli allo schema base dell’analisi.

Il bilancio utilizzato, l’ultimo effettivamente disponibile (chiuso nel 2018 o nei primi mesi del 2019), è il consolidato di gruppo o, quando non presente/disponibile, quello individuale della specifica impresa: al fine di migliorare il livello di affidabilità, i valori sono stati verificati, a campione, attraverso l’esame dei singoli fascicoli di bilancio in formato elettronico. È possibile utilizzare, nell’arco del triennio e per il medesimo gruppo, sia il bilancio individuale sia quello consolidato.

Sono state escluse tutte le entità che presentavano, nel 2018, il costo del lavoro o gli ammortamenti uguali a zero, poiché ritenute non espressive; inoltre, non sono state considerate le imprese attualmente in liquidazione o soggette a procedure concorsuali.

I valori non determinabili o, seppur determinabili, che nono rispondo ad alcuni criterri statistici (outlier) sono stati indicati con l’acronimo «n.s.» (non significativi).

Sono state evitate, sempre nei limiti delle informazioni disponibili, le duplicazioni di valori, non considerando nella lista delle 1.000 imprese, quelle già inserite nella classifica attraverso l’impresa controllante/capogruppo che predispone il bilancio consolidato: è tuttavia possibile che alcuni casi non identificati siano presenti.

Al fine però di fornire il quadro più ampio possibile della realtà economica bresciana - e considerando che in molti casi le imprese non inserite per la ragione sopra indicata (evitare duplicazioni di valori) sono di rilievo - si è predisposto a pag. 198 un nuovo elenco comprendente tutte le società controllate (intese come imprese consolidate con il metodo integrale e proporzionale con sede nella provincia di Brescia) il cui fatturato è superiore al valore minimo delle «prime» 1.000 imprese classificate. Inoltre, è disponibile a pag. 209 un prospetto di raccordo che collega le società controllate con le controllanti (presenti nell’elenco delle 1.000). Le imprese selezionate hanno, nella quasi totalità dei casi, sede legale nella provincia di Brescia: tuttavia, ve ne sono alcune che nel nostro territorio concentrano una parte rilevante dell’attività economico-produttiva (sede operativa) e, per tale ragione, si è ritenuto opportuno introdurle.